ALCUNE NOVITA’ DALLA LEGGE DI BILANCIO 2021

ALCUNE NOVITA’ DALLA LEGGE DI BILANCIO 2021

Credito d’imposta per investimenti pubblicitari
Per imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali è prorogato, per gli anni 2021 e 2022, il regime straordinario del credito d’imposta, concesso nella misura unica del 50%, per gli investimenti pubblicitari effettuati nei predetti esercizi.
L’agevolazione, diversamente da quanto già previsto per il 2020 dal DL 34/2020 (“Rilancio”), sarà  applicabile senza la necessità di aver sostenuto nell’anno precedente operazioni analoghe sugli stessi mezzi d’informazione, ossia  investimenti incrementali, ma sarà limitata agli investimenti pubblicitari effettuati, anche in formato digitale, su giornali e periodici e non anche sulle emittenti televisive e radiofoniche.
I soggetti interessati dovranno presentare l’apposito modello contenente i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato, oltre a dichiarare che gli eventuali investimenti compresi nella precedente istanza sono stati effettivamente realizzati nel periodo di riferimento.

Sospensione versamenti di gennaio e febbraio 2021
Per le Federazioni Sportive Nazionali, gli Enti di Promozione Sportiva e le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche sono sospesi i termini dei versamenti in scadenza nei mesi di gennaio e febbraio 2021 per:

  • ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati ex  artt 23-24 DPR 600/73;
  • contributi previdenziali, assistenziali e  premi per l’assicurazione obbligatoria;
  • iva in scadenza nei mesi di gennaio e febbraio 2021;
  • imposte sui redditi scadenti  dal 01.01.2021 al 28.02.2021.

I versamenti sospesi potranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione, entro il 30.05.2021, o mediante rateizzazione, fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 30.05.2021.

I versamenti rateali relativi al mese di dicembre 2021 e al mese di dicembre 2022 dovranno avvenire, rispettivamente, entro il 16.12.2021 ed il 16.12.2022.

Le condizioni richieste  per usufruire del beneficio sono:

  • avere il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato;
  • operare nell’ambito di competizioni sportive in corso di svolgimento ai sensi del DPCM 24.10.2020.

N.B. Sul provvedimento gravano incertezze come evidenziato dall’articolo di Stefano Andreani pubblicato su FiscoSport

Esonero contributivo per il settore sportivo dilettantistico
Relativamente ai rapporti di lavoro sportivo instaurati con atleti, allenatori, istruttori, direttori tecnici, direttori sportivi, preparatori atletici e direttori di gara è istituto un apposito fondo per finanziare, nei limiti delle risorse destinate, l’esonero, anche parziale, dal versamento dei contribuiti previdenziali (esclusi i premi INAIL) a carico delle federazioni sportive nazionali, delle discipline sportive associate, degli enti di promozione sportiva e delle associazioni/società sportive dilettantistiche.

Proroga al 2021 per assegno ordinario e CIG in deroga
In ambito sportivo, ai datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività lavorativa causa Covid-19, è riconosciuta la possibilità di richiedere i trattamenti assegno ordinario o cassa integrazione guadagni in deroga (CIG in deroga) di cui al DL 18/2020 (“Cura Italia”).
La durata massima prevista che può essere richiesta per emergenza epidemiologica  è di 12 settimane comprese nel periodo 01.01.2021 – 30.06.2021.